Salvini zittisce di brutto la Boschi che prova a difendere i migranti. La bomba sul suo conto.

Loading...
loading...
loading...

Matteo Salvini è a Pinzolo per alcuni giorni di vacanza, ed è proprio qui che è venuto a conoscenza della decisione della procura di Agrigento di iscriverlo nel registro degli indagati.

Sebbbene abbia dichiarato di essere sereno a riguardo, non si capacita di come acora non sia stato indagato nessuno per il crollo del ponte Morandi a Genova.

Sempre da un palco a Pinzolo ha rivolto la sua attenzione anche a Maria Elena Boschi, che ha cercato di tirare la testa fuori dal sacco in una situazione comoda come quella che si sta verificando per lo sbarco dei migranti della Diciotti.

Loading...

La Boschi sui social aveva scritto così: “cari leoni da tastiera in servizio permanente vi auguro di ascoltare le storie devastanti di chi è bordo della Diciotti. Se avete un cuore sarete i primi a commuovervi e chiedere: ‘Fateli scendere’”.

Ma il ministro degli Interni le ha risposto prontamente così: “con che faccia una signorina come Maria Elena Boschi va a rivendicare i diritti degli immigrati dopo la vicenda banca Etruria?”

E poi ha affondato: “Serve un pò di decenza”.

Sulle dichiarazioni della piddina è intervenuto anche il grillino Di Stefano:

“Cara Maria Elena, dopo aver fatto la tua bella sfilata sulla Diciotti, adesso ti auguro di ascoltare le storie devastanti di tutti i correntisti truffati da Banca Etruria, la banca di tuo padre! Piccolo consiglio: vai a fare le tue ipocrite ‘passerellè nei centri di accoglienza gestiti dalle cooperative rosse, come quella di Buzzi e Carminati, che finanziano il tuo Pd e dove i migranti vengono davvero trattati ai limiti del diritto umanitario!”

Cosa te ne pare?

Fonte:https://adessobasta.org/2018/08/26/salvini-zittisce-di-brutto-la-boschi-che-prova-a-difendere-i-migranti-la-bomba-sul-suo-conto/?fbclid=IwAR3H7LapSrsGE_LEeXnIOK_CYUzWR3kwjUjVtj4cmModsO5kYX5diPRnPhU

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *