Esodato fa nera la Fornero in diretta tv: ha sbagliato tutto, ora decide il popolo così. Che scontro.

Loading...
loading...

loading...

La legge Fornero ha avuto effetti micidiali sulla pelle degli italiani.

Lo dimostra la disperazione di un disoccupato di 62 anni ospite di Tagadà su La7. Il signor Mauro Nosenza non ha più un lavoro, ormai, da quattro anni ma ha 39 anni di contributi.

Occupava un ruolo importante in una multinazionale straniera con un contratto piuttosto vantaggioso: stipendio di 2500 euro netti, auto aziendale, bonus e quattordicesima.

Adesso si occupa delle più svariate manzioni, mentre cerca un lavoro nel settore commerciale. E’ separato e non riesce nemmeno a pagare gli alimenti ai figli.
Stando alle leggi attuali, andrebbe in pensione nel 2023.

Loading...

Altro ospite della trasmissione è l’ex ministro Elsa Fornero, pronta a rispondere agli interrogativi dell’esodato mediante un collegamento esterno.

“Quella che mi ha cambiato la vita”, tuona l’uomo.

L’intervento del signor Nosenza è affranto e colmo di tristezza. Ad un certo punto trova il coraggio di ribattere alle solite spiegazioni della prof:

“Lei signora Fornero ha sbagliato tutto, e glielo posso dimostrare con i dati… Il futuro è finito, lavoro per il presente… domani non lo so, il dottore mi ha detto di non usare le mani perché infiammate, allora che devo fare? Morire?”.

Il sentimento che prova nei confronti dello Stato si può immaginare: egli si sente depradato.

Ma l’accusa non colpisce solo i piani supremi: al centro delle sue accuse c’è anche la regione Piemonte, che non gli ha concesso la cassa integrazione in deroga.

Cosa bisogna fare adesso? Nosenza lo sa: “Rivoluzione“. E’ questo il suo grido di battaglia.

E tu? Che ne pensi?

Fonte:https://adessobasta.org/2018/03/11/esodato-fa-nera-la-fornero-in-diretta-tv-ha-sbagliato-tutto-ora-decide-il-popolo-cosi-che-scontro/?fbclid=IwAR2SdHYYOUPkkNqNjkmGO_T6wRTu_ZwMYxH1FKxdGyqdExImPR_YafTObnw

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *