Mario Monti: ‘Il Governo cambi la manovra, a questi livelli di spread le banche soffrono’

Loading...
loading...

loading...

Intervenuto ad Agorà, il senatore a vita ed ex presidente del consiglio, il bocconiano Mario Monti, ha espresso le sue personali impressioni e preoccupazioni sulla manovra economica  e, in particolare, sulle promesse elettorali sottoscritte dall’asse M5S-Lega. Intervistato da Serena Bortone, egli ha dichiarato: “Il punto che vorrei sottolineare è questo; le promesse elettorali, in particolare per queste elezioni, sono state emesse in una sorta di vuoto pneumatico, di nirvana o di paradiso terrestre. Come se poi chi andasse al Governo potesse ragionare prescindendo dalla collocazione internazionale dell’Italia, dagli accordi internazionali ed europei e prescindendo dal vincolo finanziario cioè dalla ristrettezza delle risorse disponibili”.

Il Presidente dell’Università Bocconi di Milano ha aggiunto: “Mandati al Governo da grandi quantità di voti, i governanti attuali stanno scoprendo, un po’ per volta, sulla loro strada la realtà, quella che avevano negato per anni e poi in particolare nei mesi della campagna elettorale. Allora vediamo emergere sulla strada gli inciampi relativi alla TAP, relativi alla TAV, cose che esistevano, che erano note. E soprattutto il venir meno di una condizione che siccome si è stati eletti e siccome si fa la volontà del popolo, quest’ultima comporti automaticamente la creazione del denaro per soddisfare quelle promesse e quella volontà. Hanno fatto semplicemente promesse elettorali sganciate dalla realtà”.

Loading...

Monti: ‘Un Paese diventa più sovrano se contribuisce a potenziare l’Unione Europea’

L’ex Ministro dell’Economia e delle Finanze ha spiegato: “Se il Governo cambia la manovra, farà cosa saggia e perderà ulteriormente molta credibilità dopo gli altisonanti propositi di non muoversi di un millimetro.A questi livelli di spread le banche soffrono. Certo, ci sono due modi per fronteggiare l’eventuale restrizione del credito da parte delle banche: aprire le casse dello Stato alle banche e l’altro è chiudere le bocche dei responsabili politici. Questo è un sistema più costoso politicamente per gli interessati ma le assicuro molto più conveniente economicamente per i cittadini, per i contribuenti e per le stesse banche”.”Io credo che contro i sovranisti l’azione da fare sia spiegare ai cittadini, al popolo, agli elettori, che coloro che si chiamano sovranisti lavorano in realtà per ridurre quel poco di sovranità nazionale che i Paesi hanno. E un Paese europeo può cercare di diventare un po’ più sovrano solo se potenzia l’Unione Europea  e non viceversa”, ha concluso il senatore a vita Mario Monti.

fonte : https://it.blastingpop.com/politica/2018/10/mario-monti-il-governo-cambi-la-manovra-a-questi-livelli-di-spread-le-banche-soffrono-002759371.html?sbdht=_DEX9Q0HjPnkz7mvD3-qVqT4F2yooWypWiMcfNl-NnyQXC3Byv9GvgdWDbu7G5mqj0_&fbclid=IwAR0vPQW670rP0vNJcmHPwd8uhA4vFLFS0YkZQpCLRfL7DwNaqJCwHOeAxNc

 

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *