Scoppia la bufera Diciotti, Ue: “No a ricollocamenti”. Conte: “Ipocriti”. Di Maio e Salvini: “Ora pronti a tagliare i fondi”

Loading...
loading...

loading...

Scontro totale tra Roma e Bruxelles e nessuna soluzione in vista per la nave Diciotti. I 150 migranti bloccati da quattro giorni in porto a Catania, per il momento dovranno restare sull’imbarcazione dellaGuardia costiera italiana. Se da una parte l’Unione europeaha fatto sapere che non intende procedere con i ricollocamenti perché il “flusso dei migranti in Italia è più basso che in altri Stati membri”, dall’altra il governo Lega-M5s ha deciso di mantenere la linea del “non scende nessuno” senza una condivisione del problema con l’Ue. Anzi il premier Giuseppe Conte e i due vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno annunciato che “sono pronti a tagliare i fondi destinati al bilancio europeo”. Una mossa anticipata dal leader M5s nelle scorse ore e che era già stata etichettata dalla commissione come “una minaccia che non avrebbe trovato ascolto”. Lo stesso ministro degli Esteri Enzo Moavero, interpellato nel pomeriggio, non aveva nascosto le sue perplessità: “Versare i contributi è un obbligo di legge”, aveva detto. La tensione rimane molto alta anche perché, stando così le cose, sembra difficile poter ottenere risultati concreti in tempi brevi. Le opposizioni di centrosinistra, le cui delegazioni sono state in giornata sulla nave per verificare lo stato di salute dei migranti, chiedono a Conte di riferire in Parlamento. Il Pd ha riportato che 120 persone a bordo stanno facendo lo sciopero della fame e che le donne hanno dichiarato di essere state vittime di violenze ripetute. Intanto anche dentro il Movimento 5 stelle non mancano le preoccupazioni: dopo l’intervento di Roberto Fico delle scorse ore perché fossero fatti scendere i minori, oggi ha parlato il senatore Gregorio De Falco chiedendo una soluzione per quello che è un “caso indegno”. Sul fronte giudiziario il pm di Agrigento Luigi Patronaggio, che ha aperto un’inchiesta per sequestro di persona contro ignoti, sentirà il prossimo 25 agosto alcuni funzionari del ministero dell’Interno.
Fumata nera dal vertice Ue – A far precipitare la situazione oggi è stato il fallimento della riunione informale dei 12 sherpa Ue, da cui il governo sperava sarebbe uscita una soluzione condivisa. In realtà, fin dall’inizio le istituzioni europee avevano specificato che l’incontro era stato convocato per altri motivi, ma le autorità italiane contavano che il caso fosse al centro del dibattito. E’ finito tutto con un nulla di fatto. Addirittura la bozza che prevedeva la ridistribuzione dei migranti non è stata votata: una delle motivazioni sollevate è che il flusso di migranti pro-capite in Italia è attualmente molto al di sotto di quello in altri Stati membri. Per il governo italiano è stato il segnale di una chiusura praticamente totale a cui ha risposto per primo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Ancora una volta”, ha scritto su Facebook, “misuriamo la discrasia, che trascolora in ipocrisia, tra parole e fatti. Se questi sono i fatti vorrà dire che l’Italia ne trarrà le conseguenze. L’Europa non è riuscita a battere un colpo in direzione dei principi di solidarietà e di responsabilità che pure vengono costantemente declamati quali valori fondamentali. Ne trarremo le conseguenze”. Dopo di lui è intervenuto il vicepremier Luigi Di Maio, ribadendo l’ultimatum avanzato ieri pomeriggio e su cui già si era scontrato con l’Ue: “A questo punto l’Italia deve prendersi in maniera unilaterale una riparazione. Non abbiamo più intenzione di farci mettere i piedi in testa. Siamo pronti a tagliare i fondi che diamo all’Ue. Vogliono 20 miliardi dei cittadini italiani? Dimostrino di meritarseli”. Una linea su cui ha detto di essere perfettamente d’accordo Matteo Salvini: “Se in Europa fanno finta di non capire, come hanno detto giustamente Conte e Di Maio vedremo di pagare l’Europa un po’ di meno. Il contributo possiamo diminuirlo in quota parte con quello che l’Ue non fa danneggiando l’Italia, non solo sull’immigrazione”. Poco prima fonti del Viminale avevano fatto sapere che stando così le cose, “nessuno scende dalla Diciotti”: “Su questo fronte il governo è compatto”, la sintesi. E ancora: “E’ l’ennesima dimostrazione che l’Europa non esiste. Nessuno Stato membro ha ritenuto di sottoscrivere un comunicato, anche perché non ci sono le basi di un accordo per indicare una nuova procedura standard per il soccorso, lo sbarco e la ridistribuzione degli immigrati. I Paesi europei non hanno avanzato alcuna concreta apertura per risolvere il caso della nave Diciotti. Visto che l’Italia, negli ultimi anni, ha accolto 700mila cittadini stranieri, la linea del Viminale non cambia”.
 Le tensioni con Bruxelles erano iniziate già in mattinata quando dalla commissione Ue era arrivata la replica all’ultimatum di Luigi Di Maio sul mancato versamento dei contributi al bilancio Ue in caso non ci fosse stata la ridistribuzione dei migranti: “Le minaccein Europa non portano da nessuna parte”, era stata la risposta. “Il modo in cui l’Europa funziona è la cooperazione e non le minacce. C’è un chiaro obbligo legale a pagare il contributo al budget dell’Unione. Il ricatto è una categoria di nessuna rilevanza quando si tratta di trovare soluzioni”. Una posizione a cui si è associato anche il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, che forse nel tentativo di trovare una mediazione, ha chiarito che “pagare i contributi all’Unione europea è un dovere legale. Ci confronteremo su queste e su altre questioni”. Critiche sono arrivate poi dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani: “Mi auguro sia uno scherzo, non è questo il modo di confrontarsi con l’Europa”, ha detto attaccando quei “ministri che fanno sparate demagogiche”. Ma se il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, presidente di turno del Consiglio Ue, ha fatto spallucce (“Do poco conto alle minacce, specialmente a minacce del genere”), il Commissario europeo al Bilancio, il bavarese Gunther Oettinger, dal suo account Twitter ha lanciato l’hashtag #cooperazione-non-minacce. “Se l’Italia si rifiutasse di pagare i suoi contributi al budget Ue”, ha scritto, “sarebbe la prima volta nella storia e comporterebbe interessi per ritardi nei pagamenti. Sarebbe una violazione delle obbligazioni dei trattati che condurrebbe a possibili ulteriori pesanti sanzioni”. La riunione informale a Bruxelles ha visto seduti allo stesso tavolo i tecnici di Italia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Portogallo, Lussemburgo, Olanda, Belgio, Malta, Grecia, e Irlanda. E fin dall’inizio è stato chiaro che da lì non sarebbe uscita una soluzione condivisa al caso Diciotti.
Diciotti, manifestazione della Cgil al porto di Catania. Arrivato anche Micciché: “A bordo con commissione sanità”

Sciopero della fame e scabbia – Nel frattempo, a Catania, i 150 migranti rimangono a bordo del pattugliatore della guardia costiera: si tratta di 130 eritrei, 10 migranti delle Isole Comore, sei bengalesi, due siriani, un egiziano e un somalo. “Ho appena avuto notizia dalla Capitaneria di Porto che a bordo c’è tensione e i migranti hanno iniziato uno sciopero della fame. Pertanto, le visite a bordo per esprimere solidarietà e verificare le condizioni della nave sono sospese per ragioni di sicurezza”, ha scritto su twitter il parlamentare del Pd, Davide Faraone. Poi nel primo giorno ha detto che la situazione è tornata alla normalità e le visite sono riprese. All’annuncio dello sciopero ha replicato Salvini sui social network pubblicando una foto di se stesso che mangia un panino: “Immigrati della Diciotti in sciopero della fame? Facciano come credono. In Italia vivono 5 milioni di persone in povertà assoluta (1,2 milioni di bambini) che lo sciopero della fame lo fanno tutti i giorni, nel silenzio di buonisti, giornalisti e compagni vari”, ha replicato – sempre sui social network –  Matteo Salvini, il ministro dell’Interno che continua a tenere in stallo la situazione vietando lo sbarco delle persone a bordo della Diciotti. “Per me vengono prima gli Italiani, poi gli altri. Qualche giudice vuole arrestarmi per questo? Nessun problema, lo aspetto”, ha provocato ancora una volta il ministro dell’Interno riferendosi all’inchiesta per sequestro di persona contro ignoti aperta dal procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio. Parole che ieri erano state condivise su facebook da un parlamentare della Lega (e segretario del Carroccio in Abruzzo), Giuseppe Bellachioma, che all’intervento del suo leader aveva aggiunto una minaccia diretta ai magistrati: “Se toccate il Capitano vi veniamo a prendere sotto casa… occhio”. Un messaggio intimidatorio in piena regola che aveva provocato persino la reazione dell’Associazione nazionale magistrati.
Intanto l’Autorità garante dei diritti dei detenuti, dopo la visita di ieri, ha reso noto che a bordo ci sono 69 casi di presunta scabbia e 5 casi di scabbia avanzata. Sempre ieri, erano arrivati i racconti degli operatori che sulle condizioni dei 27 minorenni non accompagnati, sbarcati il 22 agosto. “Denutriti, magrissimi, scheletri ridotti pelle e ossa”, il report dei volontari delle ong sulle condizioni di salute dei ragazzi. “A bordo sono presenti, sin da quando abbiamo mollato gli ormeggi, due organizzazioni: Intersos per conto di Unicef che sono i mediatori culturali e gli operatori umanitari, e il Cisom, che ci rifornisce un adeguatissimo profilo di sicurezza sanitaria. Le condizioni sono più che soddisfacenti, tant’è che ci è stata concessa la cosiddetta libera pratica sanitaria. Lo si è notato nel momento in cui abbiamo ammainato la bandiera gialla, che non sta a significare che c’è un’epidemia in corso, come ho sentito dire, purtroppo, ma semplicemente che prima di poter interagire con la terraferma la sanità marittima deve effettuare i suoi controlli, che come ho detto sono stati positivi e soddisfacenti”, ha detto in un’intervista a La Verità, Massimo Kothmeir, comandante della nave.
Fonte:https://notizieinmovimentonews.blogspot.com/2018/08/scoppia-la-bufera-diciotti-ue-no.html
loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *