“Salvini finirà impiccato.” Le parole choc del piddino provocano l’ira della Lega.

Loading...
loading...

loading...

Il segretario Pd dell’Alto Adige non frena la lingua e la spara davvero grossa sul vicepremier.
E’ stato Alessandro Huber a pubblicare senza vergogna un post crudo e inaccettabile al vicepremier leghista.

I dettagli su Il Giornale:

La discussione pubblica, come ovvio, oggi si concentra sul caso dell’atleta italo-africana che è stata vittima di una aggressione a Moncalieri, in provincia di Torino. E la sinistra è subito partita all’attacco del ministro Matteo Salvini.

Loading...

In questo clima, Alessandro Huber ha pubblicato un commento sulla sua pagina con velate minacce a Matteo Salvini. Il commento del consigliere comunale (e membro dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico) ha scatenato la dura reazione della Lega in Trentino Alto Adige. A pubblicare lo screenshot delle parole choc del piddino è stato Massimo Bessone, segretario leghista Alto Atesino. Si vede la fotografia della Osaku sovrastata dalle frasi di Huber:

“Aggredita e malmenata a Moncalieri, colpa? Negritudine. Ma va tutto bene, tranquilli ora ci pensa Salvini“. Fin qui, niente di male. Sotto, però, appare un commmento ben più duro: “Sì, è ora di dirlo. Ogni aggressione è da lui legittimata con il suo sproloquio fascista e la sua incitazione all’odio. Se ne prenda la responsabilità, da mussoliniano dovrebbe imparare dal maestro: si finisce a testa in giù poi però“. Il soggetto della frase è ovviamente il ministro Salvini e l’augurio è quello di finire come il Duce a piazzale Loreto. Non proprio un messaggio di pace.

Parole per niente velate. Anzi. La Lega attacca Huber per aver minacciato di morte il segretario della Lega senza mezzi termini.

Non solo, arriva anche l’etichetta di fascista leghista ad aggravare la sua affermazione. Frase che ha scatenato polemiche sui sostenitori social.

Fonte:https://adessobasta.org/2018/07/30/salvini-finira-impiccato-le-parole-choc-del-piddino-provocano-lira-della-lega/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *