Di Maio chiude le porte a olio e arance da Tunisia e Marocco

Loading...
loading...

loading...

Il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio chiede la revisione dei trattati con Tunisia e Marocco per le importazioni di olio e arance in Italia
“Il trattato Ceta va rivisto per non abbassare il prezzo di grano e carne italiani. Dobbiamo rivedere i trattati con Tunisia e Marocco, che riguardano arance e olio”.

Dopo la chiusura dei porti del Ministro dell’Interno Salvini alle navi delle ONG arriva anche lo stop alle importazioni dal Nordafrica di olio e arance, annunciato dal Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio.

“Ce lo siamo detti per anni come forza di opposizione e ora dobbiamo dettare le regole. Spero che si possa lavorare con gli altri Paesi per far sì che i nostri prodotti possano andare all’estero” ha aggiunto Di Maio.

Sulle affermazioni del vicepremier è intervenuta la Coldiretti, che ha espresso gradimento. “Quasi un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall’estero non rispetta le normative in materia di tutela della salute e dell’ambiente o i diritti dei lavoratori vigenti nel nostro Paese, e questo accade spesso grazie alla regia e alle norme sancite dagli accordi bilaterali o multilaterali di libero scambio” spiega la Confederazione.

La revisione dei trattati con Tunisia e Marocco per l’import di arance e olio secondo Coldiretti può essere la strada giusta nei confronti di “una preoccupante anomalia che riguarda diversi prodotti di importazione. Dal riso asiatico espropriato alle minoranze Rohingya vittime di un vero genocidio alle condizioni favorevoli che sono state concesse al Marocco per pomodoro da mensa, arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva, all’Egitto per fragole, uva da tavola, finocchi e carciofi, oltre all’olio di oliva dalla Tunisia dove non valgono certamente gli stessi standard produttivi, sociali ed ambientali vigenti in Italia”.

Loading...

“E’ invece necessario – conclude la Coldiretti – che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri, garantendo che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali ci sia un analogo percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una giusta distribuzione del valore per chi produce e per chi consuma”.

Le cifre dell’olio dalla Tunisia
E’ in atto una vera invasione di olio di oliva dalla Tunisia con un aumento record del 260% delle importazioni nel 2018 rispetto allo scorso anno secondo una analisi della Coldiretti.

“L’Unione Europea – sottolinea la Coldiretti – deve respingere al mittente la richiesta del Governo di Tunisi di rinnovare la concessione temporanea di contingenti d’esportazione di olio d’oliva a dazio zero verso l’Ue per 35mila tonnellate all’anno scaduta il 31 dicembre 2017, oltre alle 56 700 tonnellate previste dall’accordo di associazione Ue-Tunisia (in vigore dal 1998)”.

“E’ evidente – denuncia la Coldiretti – il rischio della destabilizzazione del mercato con gli arrivi di olio tunisino in Italia che sono quasi quadruplicati nel 2018, sulla base dei dati Istat relativi al primo quadrimestre che attestano l’importazione di 26,6 milioni di chili. Si tratta di produzioni di basso qualità svendute a prezzi insostenibili ma commercializzate dalle multinazionali sotto la copertura di marchi nazionali ceduti all’estero per dare una parvenza di italianità da sfruttare sui mercati nazionali ed esteri, a danno dei produttori e dei consumatori”.

“Un rischio concreto per la produzione italiana già colpita dall’ondata di gelo invernale che ora – precisa la Coldiretti – va difesa dalla concorrenza sleale che non rispetta le stesse regole dal punto di vista sanitario, ambientale e sociale. In gioco c’è oltre 1 milione di ettari di terreno coltivato ad ulivo in Italia che è il secondo produttore mondiale di olio di oliva e puo’ contare sul maggior numero di olio extravergine a denominazione in Europa (43 DOP e 4 IGP) con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto patrimonio di biodiversità del mondo”.

Fonte: http://www.daily-best.com/di-maio-chiude-le-porte-a-olio-e-arance-da-tunisia-e-marocco/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *