Smartphone smarrito? Come ritrovarlo in modalità silenziosa …FACCIAMOLO SAPERE A TUTTI ….

Loading...
loading...

loading...
IN UFFICIO, all’agriturismo, in hotel, a casa, fra i sedili dell’auto. Nonostante costituisca ormai un oggetto da cui difficilmente ci stacchiamo e che controlliamo in continuazione, di smartphone ce ne perdiamo ancora tanti. La situazione più complicata è quando capita col telefono impostato in modalità silenziosa o a volume molto basso: difficile farsi aiutare dal semplice squillo risolutore e ritrovarlo a due stanze di distanza. Occorre dunque rintracciarlo attraverso le piattaforme che, ormai da tempo, sia Apple che Android hanno messo a disposizione dei loro utenti.*

La più nota è Trova il mio iPhone di Apple, una piattaforma disponibile sia online – accedendo ad iCloud – che sotto forma di applicazione specifica. Bisogna identificarsi con l’ID Apple con cui si gestisce il telefono (impossibile non disporne, serve anche per scaricare le app) e si otterrà subito una mappa che ci consentirà di individuare il dispositivo così come di farlo squillare anche se era stato impostato in modalità silenziosa. Attenzione, però: per utilizzare Trova il mio iPhone serve aver abilitato l’opzione nel menu delle impostazioni del telefono. Il percorso da seguire è Impostazioni, Account e password, iCloud e Trova il mio iPhone, dove si può decidere anche di inviare automaticamente l’ultima posizione quando il livello della batteria è basso.

Loading...

Oltre a farlo squillare, l’iPhone si può impostare in “modalità smarrito” e inizializzare per cancellarne dati, foto e altre informazioni. Se invece Trova il mio iPhone non era stato attivato, una via d’uscita può essere quella di sfruttare l’eventuale Apple Watch associato al telefono. L’orologio, infatti, può far squillare lo smartphone. Ma è difficile che questo meccanismo risulti risolutivo.

Android dispone di una piattaforma simile battezzata Trova il mio dispositivo. A parte che, semplicemente digitando la richiesta “trova il mio smartphone” nel motore di ricerca (a patto di essere collegati col proprio account) riceveremo una mappa con l’ultima posizione registrata. Ma, appunto, con il servizio dedicato si individuano tutti quelli associati all’account di Big G. Per ciascuno di essi si possono conoscere l’ultima posizione inviata ai server e una serie di comandi fra cui lo squillo (per 5 minuti di seguito) anche in modalità silenziosa. Si può anche bloccare il telefono, rendendolo inservibile a qualsiasi ladro o a chiunque pensi di non restituirlo, o resettarlo per cancellarne i contenuti.

Quanto agli smartphone equipaggiati con Windows Mobile, esiste una piattaforma ad hoc (questa) dove occorre effettuare l’accesso con l’account Microsoft e replicare le medesime istruzioni degli altri sistemi.

FONTE : http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2018/04/03/news/smartphone_smarrito_come_ritrovarlo_in_modalita_silenziosa-192865355/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *