La commovente storia di Saroo, il bambino Indiano scomparso da casa FACCIAMOLO SAPERE A TUTTI

È normale che i bambini adottati chiedano ad un certo punto chi sono i loro genitori biologici. Non importa quanto amano i genitori adottivi e se li considerano come i loro veri genitori, tutti sono curiosi di conoscere le proprie origini.*

E a volte i bambini vengono adottati a un’età leggermente più avanzata, quindi si ricordano la loro famiglia biologica e i genitori preadottivi. Questo è stato il caso di Saroo dall’India, che è stato adottato da una famiglia australiana..

Aveva cinque anni quando fu adottato e la sua è una storia veramente straordinaria.

Saroo è nato in India e aveva un fratello maggiore di nome Guddu. Guddu puliva i treni. Un giorno Saroo andò con suo fratello a lavoro e Guddu gli chiese di aspettare in un treno mentre lui lavorava. Il piccolo Saroo era stanco e si addormentò, ma quando si svegliò scoprì con orrore che il treno era vuoto, aveva perso suo fratello e non sapeva dove fosse.

Il problema era che Saroo non sapeva leggere o scrivere e non sapeva dettagli importanti, come il suo indirizzo e il nome della sua città. Iniziò a vagare per le strade di Calcutta fino a quando qualcuno si accorse che si era perso e fu accompagnato in un rifugio per bambini abbandonati.

Saroo è stato adottato da una famiglia australiana, visto che nessuno era andato a prenderlo e lui non aveva contattato la sua famiglia. Saroo iniziò così la sua nuova vita in Australia, con una famiglia amorevole, che addirittura aveva appeso una mappa dell’India sulla sua parete della camera da letto in modo che non dimenticasse mai da dove veniva.

Nel frattempo, la madre biologica ha cercato Saroo in India. Ovviamente non poteva sapere che non era più nello stesso paese!

loading...

25 anni dopo Saroo ha scoperto che poteva ingrandire le posizioni specifiche su Google Maps e Google Earth, così ha iniziato a cercare con diligenza la sua città natale. Sapeva di aver vissuto da qualche parte nei pressi di Calcutta, così ha cominciato a guardare lì.

Tutti pensavano che sarebbe stato inutile, ma un giorno ha visto qualcosa che è riuscito a riconoscere! Era un ponte che portava alla stazione dove si era risvegliato e si era reso conto di aver perso il fratello.

Saroo ha continuato la sua ricerca e, alla fine, ha trovato il nome della sua città natale, Ganesh Talai. Dopo questa lunga ricerca, Saroo è salito a bordo di un aereo e finalmente, dopo tutti questi anni, è stato in grado di arrivare davanti a casa sua.

Saroo era evidentemente sopraffatto dai ricordi che gli tornavano in mente, attraverso tutti i colori, gli odori e i suoni unici in India. Ora si chiedeva se la sua famiglia l’avrebbe mai riconosciuto…

Ma è successo qualcosa che non avrebbe mai potuto sperare. Alcune donne erano in piedi a pochi metri, poi una delle donne lo ha visto, gli si è avvicinata e lo ha preso tra le braccia. Questa donna era la madre di Saroo e lei lo ha subito riconosciuto. Saroo è stato poi presentato al fratello e alla sorella, ma la tragica notizia è che un mese dopo la scomparsa di Saroo, Guddu era morto, era stato colpito da un treno la stessa notte che era scomparso Saroo.

Questo incontro è stato toccante per Saroo che ora ha due famiglie amorevoli. Lui è rimasto ancora in contatto con la sua famiglia in India e invia denaro a sua madre che non lavora.

Per fortuna la storia ha avuto un lieto fine per Saroo. Nel video qui sotto potete trovare maggiori dettagli sulla sua straordinaria vita. E se volete saperne ancora di più, leggete il suo libro “A Long Way Home” e potete anche guardare l’adattamento cinematografico del suo libro “Lion”.

La storia di Saroo è una vera ispirazione. Questo dimostra che non dovremmo mai rinunciare quando crediamo in qualcosa!

Condividete questo articolo se siete d’accordo!

FONTE : https://www.webunivers.net/la-commovente-storia-di-saroo-il-bambino-indiano-scomparso-da-casa/

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *