Gino Strada senza peli sulla lingua:”No alla sanità privata, è uno schifo trarre profitto dal dolore”. VIDEO…FACCIAMOLO SAPERE A TUTTI

Loading...
loading...

loading...

E’ stato un Gino Strada senza peli sulla lingua quello visto a Napoli e ripreso dalle telecamere di Fanpage:”No alla sanità privata, è uno schifo trarre profitto dal dolore. Se fossi ministro della salute direi stop alla sanità privata”.

Gino Strada, fondatore di Emergency, nel corso dell’incontro con gli studenti della Scuola di Medicina e Chirurgia, presieduta da Luigi Califano, dell’Universita’ di Napoli Federico II, si mostra senza freni e manifesta chiaramente il suo pensiero riguardo la sanità privata, sempre più in rapida espansione in Italia grazie ai tagli alla sanità pubblica, che costringono molti pazienti a pagare strutture private per ricevere cure ed esami adeguati.

Queste le sue parole:*

Loading...

<<“Oggi in Italia, secondo il Censis, 11 milioni di persone non si curano più come dovrebbero perchè non riescono a farcela economicamente, e il sistema sanitario è lì che si preoccupa del pareggio di bilancio…

E’ successo che si sono spalancate le porte al profitto. A me fa veramente schifo trarre profitto dal fatto che qualcuno soffra perchè credo che la medicina debba essere pubblica, di alta qualità e gratuita per tutti.

Se facessi il ministro della sanità farei una cosa molto semplice: primo, non firmo più nessuna convenzione pubblico/privato, secondo le convenzioni a scadenza non le rinnovo, terzo le convenzioni in essere vanno riviste una per una, e quelle che non portano vantaggi per la popolazione si chiudono anche se hanno ancora 5 anni davanti.

La medicina privata come l’istruzione privata è una brutta cosa.“>>

Questo ed altro nell’ intervento integrale ripreso dalle telecamere di Fanpage in un servizio di Gaia Bozza che vi mostriamo di seguito. Buona visione

PER IL VIDEO CLICCA QUI

FONTE:https://www.jedanews.it/blog/gino-strada-stop-alla-sanita-privata/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *