L’autista del bus lascia a terra i profughi “episodio ripetuto, denunciato”

Loading...
loading...

loading...

L’episodio si è ripetuto diverse volte. Gli operatori dei migranti hanno denunciato l’uomo, che è anche consigliere comunale

A San Marco di Rovereto, Sud del Trentino, non basta essere in attesa alla fermata dell’autobus perché il mezzo si fermi. Dipende anche da chi sei, e dal colore della pelle. Lo riporta Quotidiano.net

E così l’autista di un autobus di linea in prossimità di una fermata, prima ha rallentato e poi ha tirato dritto:*

sul marciapiede ad attendere l’autobus di Trentino Trasporti c’era un gruppo di profughi diretto a Rovereto per frequentare corsi ed attività legate al progetto di accoglienza ed inserimento

Leggi anche:  La rivolta dei migranti per il cibo. E invadono la Statale / FOTO

 

Loading...

 

Il fatto, che risale al dicembre scorso ma che è stato reso noto solo ora, si è ripetuto diverse volte.

Gli operatori che seguono i migranti hanno deciso di denunciare gli episodi alla Procura della Repubblica, con tanto di filmati.

L’autista che ha lasciato i piedi i profughi è stato identificato: si tratta di Moreno Salvetti, 41 anni, autista dal 1998 e consigliere comunale ad Avio, paese del Trentino.

Su di lui pende il reato di razzismo. La Uil Trasporti lo difende dicendo che “nessuno ha fatto cenni di richiedere la fermata dell’autobus”.

Leggi anche:  Arrostisce un cane per mangiarselo: banchetto choc al centro migranti

Salvetti in passato si era già reso protagonista di comportamenti che suscitarono polemiche. A seguito dell’uccisione dell’orsa Kj2, nell’agosto scorso su ordine del governatore Ugo Rossi,

su Facebook scrisse di augurare al governatore la stessa fine dell’orso.

Un’affermazione che lo portò a autodimettersi dalla carica di assessore comunale ai trasporti, sport, innovazione tecnologica, ecologia ed ambiente.

fonte : http://www.sostenitori.info/moreno-trntino/307196

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *