La proposta assurda della Bonino contro il calo demografico. La sua soluzione è l’Africa!

Loading...
loading...

loading...

Emma Bonino è di certo un personaggio che si presta alle polemiche. Lo è stata a causa delle sua auto-denuncia per aver praticato un numero incredibile di aborti con la pompa da bicicletta.

Lo è stata a causa della battaglia per la liberalizzazione delle droghe leggere. Per i vari scioperi della fame. Per quell’essere così tanto contro il sistema da sedere in Parlamento da oltre 40 anni.

Ma le polemiche, dopo oltre 40 di attività politica in Italia in Europa ed oltre 40 anni di stipendi pagati dal popolo italiano, non si placano. Già, perché la Bonino è oggi una sorta di portavoce di Soros in Italia.

Questo appare evidente sopratutto quando si affronta il tema dell’immigrazione. Soros e Bonino sono accomunati da una visione mondialista atta all’invasione e alla sostituzione dei popoli.*

Loading...

Quindi “la sostituzione di popolo entra all’interno della campagna elettorale. E non come boutade o argomento di dibattito più o meno classificabile alla voce complottismo, ma come vero e proprio programma di governo“.

Durante un’intervista al Sole 24 Ore, Emma Bonino ha toccato diversi argomenti, tra cui il calo demografico che sta toccando l’Italia è tutta Europa. A quanto pare la radicale la cui lista è stata salvata da un democristiano ha le idee chiare.

Bisogna coltivare – spiega infatti la Bonino – il giardino d’infanzia che abbiamo 300 chilometri sotto di noi mentre l’Europa è segnata dal declino demografico“. In parole povere, se non facciamo più figli, dobbiamo importarli dall’Africa. Questo è assurdo!

Ricordiamo che il partito della Bonino (Più Europa) è alleato col PD. Un’alleanza che porterà voti al centrosinistra, al prezzo di avere in agenda queste aberrazioni che non farebbero altro che accelerare il declino del nostro meraviglioso Paese.

Fonte:https://adessobasta.org/2018/02/01/la-proposta-assurda-della-bonino-contro-il-calo-demografico-la-sua-soluzione-e-lafrica/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *