Guidava coop che pagava 4 euro l’ora e cacciava chi protestava. Vergognoso!

Loading...
loading...

loading...
Mauro Laus, presidente del Consiglio regionale del Piemonte e candidato a Palazzo Madama con i dem, fino al 2014 presidente della cooperativa Rear. Che secondo la Corte d’appello aveva licenziato ingiustamente alcuni lavoratori responsabili di proteste avvenute tra il 2011 e il 2012, dopo che l’assemblea dei soci aveva stabilito una riduzione del 10% degli emolumenti. Il regista Scola: “Restituisco la tessera”. In passato anche Ken Loach contro la coop del politico dem.*

Loading...
Se i suoi dipendenti avevano contratti da fame non era colpa sua, ma degli appalti e delle stazioni appaltanti. E anche se la cooperativa da lui diretta pagava i lavoratori 4 euro l’ora, se in certi casi li licenziava in maniera illegittima – come hanno stabilito i magistrati – ora lui rilancia: e promette addirittura di presentare una legge per il salario minimo garantito in caso di elezione a Palazzo Madama. Mauro Laus, presidente del Consiglio regionale del Piemonte e candidato al Senato con il Pd, fino al 2014 presidente della cooperativa Rear, è tornato al contrattacco. E lo ha fatto domenica 25 febbraio al centro congressi Giovanni Agnelli del Lingotto, dove ha organizzato il suo evento personale per la campagna elettorale. Un’occasione sfruttata per rispondere a chi gli contesta di aver guidato una cooperativa in cui i lavoratori venivano pagati poco. Una gestione del personale che nel 2012 è stata criticata pubblicamente addirittura dal regista inglese Ken Loach (e nel 2013 anche da Ettore Scola) per i licenziamenti illegittimi e le paghe basse.
Nel suo one man show, microfono in mano al centro del palco, Laus ha quindi risposto alle contestazioni mosse nei suoi confronti. “Tu dopo che hai retribuito le persone a quattro euro o cinque euro l’ora, ti permetti il lusso di voler rappresentare i diritti dei lavoratori? E voi del Partito democratico addirittura candidate uno sfruttatore di popolo che adesso va in giro nelle piazze a spiegare che una persona deve avere un salario minimo dignitoso?”, ha chiesto in maniera retorica al pubblico riferendosi a se stesso. Un modo per dimostrare di aver a cuore gli interessi dei lavoratori, nonostante alcune sentenze contro la Rear dicano altro. Secondo la Corte d’appello la sua coop aveva licenziato ingiustamente alcuni lavoratori responsabili di protesteavvenute tra il 2011 e il 2012, dopo che l’assemblea dei soci aveva stabilito una riduzione del 10% degli emolumenti. Tra questi c’era Federico Altieri, l’autore della lettera che convinse Loach a non ritirare il premio del Torino Film Festival. Sempre secondo i magistrati di secondo grado, inoltre, la Rear deve restituire ad Altieri 4.900 euro più gli interessi perché aveva applicato un contratto di lavoro peggiorativo.
“Non è un imprenditore che decide quanto deve pagare, è la contrattazione collettiva. E oggi per alcuni contratti collettivi firmati da organizzazioni sindacali, ci sono delle persone, anche laureate, che vengono retribuite con un salario di quattro euro l’ora”, ha sostenuto Laus. “Fino a oggi tutte le discussioni politiche non hanno risolto il problema”, ha aggiunto annunciando l’intenzione di presentare in Senato una legge per introdurre il salario minimo garantito. Nessuna parola, però, sui licenziamenti ritenuti illegittimi contro i quali hanno protestato Loach e Scola.
E a proposito di registi, Laus ha usato una metafora cinematografica per descrivere se stesso e la sua situazione: “A volte quando guardiamo dei film e siamo convinti di aver individuato un carnefice e poi verso la fine del film scopri che quel carnefice è la vittima e il carnefice un altro”, dice. Lui, quindi, si mette nei panni della vittima scambiata per carnefice: “Quando la stazione appaltante fa appalti al prezzo più basso, chi partecipa sa che può vincere con due centesimi e l’obiettivo è il contratto più basso. Quel carnefice utilizza la proprietà per scaricare delle incapacità o delle mancanze di risorse e la società occupa delle persone che hanno quella retribuzione molto bassa. Tu carnefice se dai dieci non puoi pensare che la società spenda undici. E quel dieci che dai a volte lo dai dopo due anni”. Poi un’ultima stoccata ai suoi accusatori: “Se tu non hai mai lavorato in vita tua non puoi mica capire queste cose un po’ tecniche”.
Da quasi dieci anni la relazione tra il consigliere regionale Pd e la coop è un tema che infiamma il dibattito politico. Se prima era un argomento caro alla sinistra del Pd, ora è diventato un cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle nonostante Laus abbia lasciato le cariche sociali della Rear nell’estate 2014, dopo l’elezione alla presidenza del Consiglio regionale. L’ultimo ad attaccarlo è stato il suo diretto avversario nel collegio per il Senato, il professore Giuseppe Mastruzzo del M5s, che ha definito Laus “l’epitome del voto di scambio” ricevendo subito una diffida dai legali del politico dem. Anche tra gli iscritti del Partito democratico qualcuno nutre dei dubbi su Laus: “Come può un partito di centrosinistra candidare un nemico di chi lavora?”, ha scritto nel suo blog su ilpost.it Enrico Sola, annunciando la restituzione della tessera ai compagni del Circolo Pd 8 di Torino.

FONTE : http://notizieinmovimentonews.blogspot.it/2018/02/guidava-coop-che-pagava-4-euro-lora-e.html
loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *