ULTIM’ORA: LE MINACCE DI DE LUCA, VI FAREMO RINGOIARE TUTTO! DA FANPAGE OPERAZIONE CAMORRISTICA SECONDO IL GOVERNATORE CAMPANO. SIETE D’ACCORDO?

Loading...
loading...

loading...

Aggressione mediatica pseudogiornalistica contro di noi alla vigilia di una campagna elettorale delicata. Una operazione camorristica e squadristica che parte dal tema della gestione dei rifiuti”. Ha scelto il suo profilo Facebook Vincenzo De Luca per attaccare Fanpage e l’inchiesta giornalistica che ha portato alle dimissioni di Roberto De Luca, assessore al Bilancio del Comune di Salerno, secondogenito del governatore della Campania nonché protagonista della seconda puntata del servizio della testata webnapoletana. L’ex sindaco di Salerno, quindi, per l’ennesima volta ha accusato la stampa di operazioni camorristiche contro la sua amministrazione. Oggi, però, il politico del Pd ha corredato al suo attacco anche una minaccia: “Vi faremo ringoiare tutto” ha detto nel video di 10 minuti pubblicato sul social network. Obiettivo dell’avvertimento? “Chi ha messo in piede questa aggressione mediatica e a quelli che si sono prestati” ha specificato il diretto interessato.
“OPERAZIONE DI VIOLENZA PRIVATA” – Nel filmato, inoltre, De Luca ha ricordato come “noi stiamo buttando fuori la camorra e tutti gli interessi oscuri”, per poi sottolineare che “il significato di questa operazione è esattamente il contrario di quello che vogliono fare apparire: è la reazione dei delinquenti e dei camorristi a un’operazione di pulizia che stiamo facendo in Campania, dove per la prima volta stiamo cacciando la camorra in relazione ai rifiuti”. Secondo De Luca, l’inchiesta di Fanpage “è una vergogna nazionale“. “Ma quale giornalismo? – ha detto il governatore – Viene ingaggiato un camorrista, uno che si presenta mascherato, un signore che fa un’intervista a mio figlio e parla solo lui di cose che non c’entrano niente, cerca di tirare in ballo la Regione, le ecoballe e le gare. È una cosa vergognosa – ha aggiunto – ci dovremmo vergognare in Italia per il fatto che ci sia spazio per operazioni di vero squadrismo. A che punto è ridotta la democrazia italiana? Siamo arrivati al punto che una persona perbene deve vivere nella paura di sabotaggi, di manovre occulte. Ti può arrivare in casa un camorrista con telecamera nascosta – ha aggiunto – che viene a fare una registrazione, un’operazione di violenza privata“.
“IN CAMPANIA STIAMO VIVENDO UNA RESISTENZA” –Per De Luca, inoltre, l’inchiesta giornalistica non produrrà nessun tipo di conseguenza: “Cosa ha portato alla luce? Parla solo lui per cercare di confondere le acque – ha attaccato – La gente normale ormai se ne scappa dalle istituzioni e dalla vita pubblica per questo sistema di aggressione mediatica continua al quale fai fatica a rispondere in tempi brevi con migliaia di titoli diffamatori”. De Luca ha spiegato che in Campania “stiamo vivendo una resistenza, ci sentiamo partigiani in difesa dei valori di dignità e libertà umana. Sono anni che va avanti una vita pubblica fatta di calpestamento della dignità delle persone senza che ci sia una reazione adeguata. Su questo piano l’Italia arriva davvero alla barbarie“.
DE LUCA INVITA DI MAIO E GRASSO A CONFRONTO PUBBLICO – Nel video di Vincenzo De Luca, infine, non sono mancate le accuse ai suoi avversari politici, in particolare a Luigi Di Maio (uno dei suoi obiettivi preferiti) e a Piero Grasso. Il primo è stato invitato (ma forse sarebbe meglio dire sfidato) a “un dibattito pubblico dove, come e quando vuole e sulla materia che vuole lui. Mi piacerebbe avere un dibattito con questo giovanotto che intasca 15mila euro al mese e parla contro la casta”. Un invito esteso anche al presidente uscente del Senato: “Ho visto le sue dichiarazioni e c’è da vergognarsi” ha detto Vincenzo De Luca, secondo cui Piero Grasso non ha speso una “parola sui camorristi che vengono a fare operazioni di aggressione e finto moralismo da quattro soldi. Sfido anche questo nostro amico a un dibattitopubblico in diretta – ha aggiunto – rigorosamente senza registrazioni e tagli, sui temi della moralità pubblica”. De Luca, come detto, ha concluso il messaggio video promettendo di “far ringoiare tutto a chi ha messo in piedi e a quelli che si sono prestati a questa aggressione mediatica”.
FORZA ITALIA E M5S: “DOVE SONO LE DIMISSIONI DI ROBERTO DE LUCA?” – Nel frattempo c’è una sorta di polemica parallela sull’esistenza o meno delle dimissioni di Roberto De Luca. Il figlio del governatore le ha annunciate ieri mattina dal palco della manifestazione organizzata per presentare la candidatura alla Camera del fratello Piero. Forza Italia Salerno, tuttavia, vuole le prove. “Roberto De Luca ed Enzo Napoli (sindaco di Salerno, ndr) mostrino rispetto per le Istituzioni, non le usino per calcoli politici. Roberto protocolli le dimissioni, al momento una trovata solo mediatica, e le renda pubbliche. Il Sindaco le accetti e riconsegni le deleghe” ha detto Gaetano Amatruda, vice coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno. Il Movimento 5 Stelle, dal canto suo, ha organizzato una manifestazione per chiedere al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli (ex vice sindaco di De Luca) di “di accettare le dimissioni di Roberto De Luca. Non ci può pensare fino al 5 marzo. Bisogna avere il coraggio di fare delle cose, essere conseguenti” ha detto Andrea Cioffi, esponente grillino. La polemica è stata spenta in serata dal sindaco che annuncia di aver ricevuto una lettera mediante posta certificata e pubblica su Facebook il testo. Napoli aveva già spiegato stamane di voler avocare a sé le deleghe di De Luca in attesa di incontrarlo nei prossimi giorni “per chiarire i termini delle sue determinazioni”.
fonte : http://notizieinmovimentonews.blogspot.it/2018/02/ultimora-le-minaccie-di-de-luca-vi.html
loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *