Bonino imbarazzante. L’ultima sua proposta per le prossime elezioni spiazza tutti.

Loading...
loading...

loading...

Emma Bonino durante la sua campagna elettorale per le prossime elezioni del 4 Marzo, affronta temi che riguardano la spesa pubblica, il debito, il fisco e anche l’immigrazione.*

Inoltre aggiunge: “Bisogna bloccare la spesa pubblica primaria nominale per 5 anni”. E ancora: “Necessario tagliare le tasse sul lavoro, ma con coperture da Iva e, in misura minore, casa”.

Ma per la Bonino la questione primaria da sbloccare riguarda: “Portare a compimento le leggi rimaste a metà, Ius culturae, legalizzazione della cannabis a fini terapeutici e la legge popolare ‘Ero straniero’”.

Loading...

Inoltre, nell’intervista c’è una frase che lascia poco spazio alla fantasia. E tratta il tema dell’immigrazione. La Bonino sostiene che si dovrebbe

“il giardino d’infanzia che abbiamo 300 chilometri sotto di noi mentre l’Europa è segnata dal declino demografico”.

Su liberoquotidiano leggiamo :

La Bonino lancia le ricette per curare il sistema Italia dalle pagine del quotidiano diretto Guido Gentili. “Bisogna bloccare la spesa pubblica primaria nominale per 5 anni”. E ancora: “Necessario tagliare le tasse sul lavoro, ma con coperture da Iva e, in misura minore, casa”.

Ma secondo la leader di +Europa – Radicali Italiani le prime misure da adottare sono altre. Un esempio? “Portare a compimento le leggi rimaste a metà, Ius culturae, legalizzazione della cannabis a fini terapeutici e la legge popolare ‘Ero straniero’”.

Ma non è finito qui, nell’intervista c’è una frase che lascia poco spazio alla fantasia. E tratta il tema dell’immigrazione. La Bonino sostiene che si dovrebbe “il giardino d’infanzia che abbiamo 300 chilometri sotto di noi mentre l’Europa è segnata dal declino demografico”.

 

fonte : https://adessobasta.org/2018/02/02/bonino-imbarazzante-lultima-sua-proposta-per-le-prossime-elezioni-spiazza-tutti/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *