A Pamela sono state strappate le viscere: spunta un sospetto terribile. Lo sfogo della madre.

Loading...
loading...

loading...

Lo spacciatore nigeriano, sospettato di aver ucciso la giovane Pamela Mastropietro, si chiama Innocent Oseghale.

Rintracciato dalle telecamere di sicurezza mentre seguiva la ragazza, è stato arrestato poichè indagato per l’omicidio efferato e brutale nei confronti della diciottenne.

Il corpo fatto a pezzi è stato ritrovato in un due trolley e i dettagli che stanno emergendo, rendono la vicenda ancora più inquietante.

Secondo Il Tempo, infatti, potrebbe essersi trattato di un “rito tribale”.

Il 29enne, che si dichiara innocente, ha precedenti per spaccio e un permesso di soggiorno scaduto. Vive proprio nella strada in cui è stata vista Pamela viva l’ultima volta.

Loading...

In casa del nigeriano sono stati trovati gli indumenti sporchi di sangue della ragazza e lo scontrino di una farmacia, dove aveva comprato una siringa il giorno stesso.

Come se non bastasse, ad aggravare la condizione del nigeriano è un suo connazionale che l’ha visto trasportare i due trolley, all’interno del quale è stato rinvenuto il cadavere della giovane.

Le prove sono davvero schiaccianti e le accuse di cui dovrà rispondere sono gravissime: omicidio, vilipendio, soppressione e occultamento di cadavere.

I dettagli aggiunti da Il Tempo rendono il tutto ancora più macabro. Prima di essere fatto a pezzi, il cadavere sarebbe stato martorizzato.

“Oltre alle ferite riscontrate sugli arti tranciati, sarebbero poi sparite le viscere e il cuore. Quest’ultimo particolare spingerebbe gli inquirenti a ipotizzare il rito voodoo.”

Intanto, è giunto su Facebook lo sfogo disperato della mamma:
“Spero e prego che giustizia sia fatta. Quello che le hanno fatto è indescrivibile è così crudele che spero di vederli soffrire lentamente, fino alla morte”.

Si attendono risvolti nell’indagine.

Fonte:https://adessobasta.org/2018/02/02/a-pamela-sono-state-strappate-le-viscere-spunta-un-sospetto-terribile-lo-sfogo-della-madre/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *