SI FA UN SELFIE MENTRE ABUSA DI UN BIMBO: IL GIUDICE LO LIBERA (LURIDO PORCO!)

Loading...
loading...

loading...

Si è scattato dei selfie mentre abusava di un bambino che dormiva in carrozzina. Il pedofilo viene condannato ma, il giorno dopo, il giudice rivede la pena “troppo dura” e lo libera. È successo in Inghilterra: sul computer di Sick John Long, 20 anni, sono state trovate sei immagini che lo auto-ritraggono in flagrante insieme a migliaia di foto di bambini e neonati scaricate dal web, più 37 foto e due video di porno estremo con animali.

Loading...

Il pedofilo, rivela The Sun, ha ammesso di guardarle per “soddisfazione sessuale”, aggiungendo: «La mia testa è incasinata». Inizialmente, il giudice Brian Cummings aveva condannato il giovane a scontare 2 anni e 8 mesi presso un istituto per giovani criminali a Liverpool Crown Court. Ma nell’arco di 24 ore Cummings ha cambiato idea appellandosi alla “Slip Rule”, la legge nota come “dei 56 giorni” durante i quali i tribunali hanno il potere di modificare una frase o un ordine: la pena doveva essere ridotta.

Secondo il sito Crown Prosecution Service, le ragioni per cui ci si può appellare alla “Slip Rule” sono: venire in possesso di informazioni rilevanti prima che la sentenza venga applicata; il tribunale ha trascurato alcune disposizioni di legge che limitano i suoi poteri; la sentenza formulata rischia di avere effetti inaspettati.*

Così, il giudice ha deciso che i 2 anni e 8 mesi di detenzione fossero sostituiti da due anni di arresti domiciliari accompagnati da un programma di recupero per maniaci sessuali perché il giovane possa guarire dal disturbo mentale. L’imputato resta comunque iscritto a tempo indeterminato nel registro dei “sex offenders”, la lista ufficiale dei molestatori.

 

fonte  :  http://www.zonacriticanews.com/2017/03/20/si-un-selfie-abusa-un-bimbo-giudice-lo-libera-lurido-porco/

loading...
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *